Soldado Recensione

Titolo originale: Sicario: Day of the Soldado

29

Soldado: la recensione del film con Josh Brolin e Benicio Del Toro diretto da Sergio Sollima

- Google+
Soldado: la recensione del film con Josh Brolin e Benicio Del Toro diretto da Sergio Sollima

C’è ancora il confine, che qui è anche un po’ frontiera, con tutto quello che di concreto e di simbolico questo comporti.
C’è ancora l’indagine sulla morale, sulla sua sopravvivenza e rilevanza in un mondo che sembra averla dimenticata.
Ci sono ancora Josh Brolin e Benicio Del Toro, e i loro personaggi, mentre non c’è più Emily Blunt, e quind non c’è il femminile, ritratto solo in versioni ormai indurite e modellate sul maschile, o in quella ancora acerba di una ragazzina (tosta) capace, però, di smuovere qualcosa.
C’è Stefano Sollima al posto di Denis Villeneuve (e anche Dariusz Wolski per Roger Deakins, se per questo), e la differenza si sente e non si sente: che per Sollima è un complimento, volendo, nel senso che lascia il suo segno, e non fa rimpiangere troppo il collega.

Il confronto con Sicario è inevitabile, in un film come Soldado.
Non solo per il suo essere sequel che lavora sulla psicologia dei suoi protagonisti in continuità con quello che è stato prima, ma anche perché - lasciando porte aperte, spalancate, all’idea di un ulteriore seguito, e adagiandosi su una struttura narrativa (e un po’ anche formale) che sembra strizzare apertamente a quelle della serialità - impone quasi un’analisi su personaggi e temi che prenda in considerazione un universo espanso rispetto a quello circoscritto del singolo film, quasi incapace di essere contenuto dai confini (appunto) del suo inizio e della sua fine, ma permeato e permeabile in entrambe le direzioni.

Di certo questa natura ambigua di Soldado può risultare intrigante, e il suo rimandare a un passato certo e a un futuro da inventare può risultare vantaggioso. Meno, invece, il costante gioco al rilancio portato avanti dal copione di Taylor Sheridan, che più che tracciare un tradizionale arco narrativo, punta su un’escalation un po’ facile, e senza troppe risoluzioni.
E soprattutto, come troppo spesso avviene nell’universo della serialità Soldado, specie nella sua seconda parte, è vittima di un girare a vuoto, o attorno alle stesse situazioni, che trova la sua origine nella scarsità di materia narrativa a fronte dell’abbondanza di quella temporale.

Sollima gestisce con sicurezza il materiale e i materiali messi a sua disposizione da Hollywood.
Soldato è un film che all’occhio si presenta nitido e calibrato alla perfezione, anche troppo, che gestisce con rigore e precisione adeguati alle questioni logistico-tattiche che racconta. Una precisione quasi asettica, quella di Sollima, che rispecchia la freddezza esecutiva e umana dei personaggi di Brolin e Del Toro, e che sembra limitare le potenzialità del film.
Quando Graver e Alejandro, in misure e momenti diversi, vedono la loro corazza incrinata da un principio di compassione che potrebbe rivelarsi fatale, e che alla fine della fiera è un po’ il cuore del discorso di Soldado, tutto avviene in maniera meccanica, senza che ci si sia stato modo e tempo di costruire uno spazio di empatia e di credibilità. La bolla dentro la quale vivono questi personaggi è di sapone, e scoppia molto in fretta.

Se, tornando al parallelo con Sicario, anche Soldato sembra voler esplorare territori manniani, dove la balistica e l’azione sono un pretesto per indagare, nelle pieghe del racconto, gli abissi profondi dell’umanità dei personaggi e i loro conflitti morali, qui sembra ancora di più che nel film di Villeneuve che la questione sia ribaltata: si finge di guardare al territorio della morale per giustificare - ma non ce ne sarebbe bisogno, no? - la violenza e la sua messa in scena spettacolarizzata, che qui sono comunque ruvide ed efficaci.

Soldado
Nuovo Trailer Ufficiale Italiano del Film - HD
8690


Federico Gironi
  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Lascia un Commento